Il Dialetto
foto calamaio calamaio con piuma
 foto della macchia foto piuma sfondo
VASTOGIRARDI
VASTOGIRARDI
& friends
Il  Dialetto
Home Antichi sapori

Dialetto:

Come tante altre , la parola viene dal Greco e letteralmente significa colloquio.
Il dialetto è l’elemento principale che distingue una comunità rispecchiandone fedelmente l’ambiente in cui vive e le attività che svolge: prova di questo sta nel fatto che comunità diverse, pur se geograficamente vicine, utilizzano poi dialetti anche molto differenti tra loro; ed inoltre che i nostri modi di dire provengono prevalentemente dal mondo contadino, e che il dialetto si modifica seguendo direttamente i mutamenti socio economici della comunità stessa: col tempo nascono infatti nuovi vocaboli, mentre altri vanno lentamente scomparendo.
Per secoli i dialetti sono stati l’unico linguaggio di comunicazione, poi lentamente sviluppo industriale, sviluppo culturale, urbanizzazione ed altri fattori hanno portato all’utilizzo prevalente della lingua italiana.
Oggi, invece, assistiamo ad una generale riscoperta del dialetto, e credo che ciò sia dovuto non soltanto ad interesse storico-culturale, ma sia legato a qualcosa di più profondo, come la ricerca di valori e sentimenti che vanno scomparendo o sono già scomparsi.
Personalmente vedo anche nell’utilizzo del dialetto non solo una facilitazione nella comunicazione, ma anche il miglioramento nei rapporti tra le persone: il dialetto, infatti, aggiunge al linguaggio standard funzioni adatte a semplificare il colloquio, non solo con vocaboli, che non sono semplice traduzione della lingua italiana, ma con l’utilizzo dell’espressività e dell’intonazione vocale: una parola o una frase pronunciate in dialetto racchiudono ed esprimono concetti, sentimenti, stati d’animo, emozioni che spesso sono pressoché intraducibili in lingua italiana, o quantomeno la traduzione rischia di perdere tutta la “carica vitale” dell’espressione stessa.
La conservazione e la protezione del nostro dialetto non devono però essere guidate dalla “moda”, momentanea e transitoria, ma piuttosto dalla consapevolezza che nel dialetto risiede la storia della nostra terra, e dei nostri avi: in ogni parola si celano sacrifici ed esperienze di vita vissuta.

Domenico Marchione